Chiudi

alt

per il 5‰ aprimi!

Menu

LAssociazione

Stampa PDF

L’associazione Progetto Diritti o.n.l.u.s. ha tra i propri fini la tutela dei diritti  delle fasce sociali meno abbienti e la promozione di azioni per lo sviluppo locale.

Opera, con la sigla Servizio Legale Popolare, dal 1985, svolgendo informazione e consulenza in favore dei cittadini immigrati, delle fasce meno abbienti delle periferie, dei cittadini disabili, dei disoccupati, dei lavoratori. Progetto Diritti, formalmente costituita nel ‘92, è divenuta o.n.l.u.s. nel ‘98.

Dal ‘90 opera unitamente al "Servizio Legale Immigrati", costituito da legali ed operatori sociali, federato a Progetto Diritti, con interventi di assistenza, consulenza legale e orientamento sociale.

Gli utenti dell’associazione sono centinaia ogni anno e Progetto Diritti cura le pratiche amministrative e i ricorsi avanti alla magistratura in materia di permessi di soggiorno, espulsioni, cittadinanza, riconoscimento dello "status" di rifugiato, con una rete di legali che copre il territorio nazionale. Assiste i cittadini stranieri nei procedimenti penali, collaborando con le associazioni del volontariato operanti nel settore penitenziario, tra le quali l'associazione Antigone, e per questioni riguardanti i minori, il diritto di famiglia, le ricongiunzioni familiari, il diritto del lavoro, la costituzione di cooperative e società, i problemi abitativi, la  cittadinanza e la carta di soggiorno.  Promuove corsi di formazione sindacale, amministrativa e per operatori sociali.

Progetto Diritti è impegnata sul tema della normativa del diritto di asilo, con rapporti con le forze politiche e sociali, e con l’organizzazione di ricerche ed incontri.

Ha collaborato Comune di Roma e con il Master Politiche dell’Incontro e Mediazione Culturale dell’Università degli Studi Roma Tre per la formazione degli operatori dei Centri di Orientamento al Lavoro con particolare riguardo alle problematiche dell’inserimento lavorativo dei cittadini stranieri.

Ha fatto parte con diverse amministrazioni comunali (Roma, Milano, Torino, Bologna) e realtà associative ed imprenditoriali della partnership di sviluppo nazionale del progetto PALMS - ammesso a finanziamento nell’ambito dei progetti Equal fase II / misura 1 sull’occupabilità – e dedicato all’inserimento lavorativo dei  minori stranieri non accompagnati.

Ha collaborato con il Dipartimento XIX del Comune di Roma per l’assistenza partecipanti al bando per il finanziamento alle imprese costituite da cittadini stranieri.

Ha collaborato con il Dipartimento V del Comune di Roma nell’ambito del progetto IntegRARsi – reti locali per l’integrazione dei richiedenti asilo e rifugiati, che nasce nell’ambito del Programma EQUAL II Fase con l’obiettivo di contrastare l’esclusione sociale ed economica dei richiedenti asilo e rifugiati, promosso dall’ANCI.

 

L'associazione Progetto Diritti ONLUS, è iscritta al registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità, Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull'origine.

 

Con decreto ministeriale, l'associazione Progetto Diritti ONLUS è iscritta al registro degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

L’associazione Progetto Diritti e l’associazione Servizio Legale Immigrati svolgono la propria attività di consulenza ed assistenza in Roma, nella sede di Via Ettore Giovenale 79 (Zona Pigneto).

 

L’Associazione Progetto Diritti, il Servizio Legale Immigrati e l’Istituto Nazionale per la Medicina delle Migrazioni e della Povertà, insieme ai rappresentanti di diverse comunità di cittadini stranieri residenti in Italia e con la partecipazione di legali, medici, psicologi, mediatori sociali e terapisti della riabilitazione, hanno dato vita all’inizio del 2008 al “Comitato Singh Mohinder per la tutela dei migranti vittime del lavoro e dei loro familiari”, a partire dalla considerazione dell’alto numero di infortuni sul lavoro che vedono coinvolti i lavoratori stranieri e delle difficoltà che la condizione di migrante determina per il lavoratore colpito e per la sua famiglia nelle procedure per l’assistenza ed il risarcimento dei danni sia nelle sede consolari per gli eredi che avanzano istanze risarcitorie, sia nell’attività di cura ed assistenza per il lavoratore o per i suoi familiari, oltreché per ottenere il ricongiungimento.

 

Il Comitato ha lo scopo di promuovere campagne d’informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle autorità competenti ed attività per l’educazione al rispetto della legalità ed alla sicurezza nei luoghi di lavoro; di contrastare la violazione delle norme poste a tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro; di intervenire in favore dei migranti vittime degli infortuni sul lavoro e di tutti coloro che ne soffrono le conseguenze, promuovendo l'assistenza sanitaria in centri specializzati di cura e riabilitazione e l’assistenza sociale e psicologica ai lavoratori vittime di infortuni ed ai loro familiari; di realizzare programmi e progetti di assistenza ai familiari delle vittime sul lavoro, anche nei Paesi di provenienza e garantire  loro il pieno esercizio dei  propri diritti presso le sedi diplomatiche; di favorire, attraverso la raccolta di fondi e l’attività di consulenza e assistenza, le azioni giudiziarie a seguito di incidenti sul lavoro; di ottenere dalle pubbliche autorità la rimozione degli ostacoli che impediscono ai familiari dei migranti vittime sul lavoro il pieno esercizio dei diritti conseguenti all’infortunio  del proprio congiunto; di agevolare l’ingresso dei familiari delle vittime nel paese in cui si è verificato l’infortunio al fine di consentire la partecipazione ai relativi processi; di promuovere l’informazione dei familiari dei lavoratori immigrati vittime del lavoro sulle tutele previste dall’ordinamento

 

L’Associazione negli ultimi mesi si è impegnata nel sostegno dei lavoratori africani di Rosarno deportati a Roma dopo le terribili vicende, e li ha accompagnati nel loro percorso di consapevolezza e rivendicazione dei diritti e di reinserimento lavorativo, fornendo loro gli strumenti per intraprendere una strada alternativa allo sfruttamento.

Il 27 aprile 2010 ha firmato il protocollo d’intesa insieme alla Provincia di Roma e ai rappresentanti delle associazioni degli agricoltori del Lazio per garantire concretamente a 38 lavoratori africani un contratto di lavoro regolare.

 

 

Lo statuto dell'Associazione Progetto Diritti

 

 

Но "Экономика, организация и управление сельскохозяйственным производством"это не принесло "Экономико-математическая модель оптимизации кормопроизводства"мне радости.

Смотря по "Экономико-статистический анализ производительности труда при производстве зерна в ЗАО 'Яснополянское' Павлоградского района"величине,-ответил Швейк.

Он со "Экономико-статистический анализ продуктивности молочного стада крупного рогатого скота в ООО 'Евгащинское' Большереченского района Омской области"мной,-отрывисто сказала Джинни.

Прислушиваясь, "Экономико-статистический анализ производства зерна на примере ЗАО 'Дубровское'"Янси забывает о "Экономико-статистический анализ производства сахарной свеклы в ЗАО 'Красненское' Яковлевского района"присутствии своей прелестной "Экономико-статистический анализ урожайности зерна в ООО 'Соляное' Черлакского района"спутницы.

Скажите мне, обратился "Экономико-статистический анализ урожая и урожайности по группе однородных культур (зерна) на примере ГУП ОПХ 'Орошаемое'"Рубин к своему подопечному.

Умелому "Экономико-статистический анализ численности, продуктивности скота и выхода молока в ОПХ 'Омское'"матросу Брасу "Экономико-статистический анализ эффективности производства зерна на примере группы районов"построить такой плот не казалось трудным делом.